LA LEGGENDA DEI CACHI VANIGLIA

È bello che ancora oggi vengano tramandate tradizioni popolari e  leggende, perchè permettono di di tenere vivo il bambino che è in ognuno di noi. Una di queste storie, di contadina memoria, riguarda i cachi vaniglia, o meglio, i suoi semi.

Ma cosa dice questa tradizione?

La leggenda vuole che se tagliando a metà un seme di caco troviamo  al suo interno una “forchetta” l’inverno sarà poco nevoso e piuttosto mite, se c’è un piccolo “coltello” l’inverno sarà caratterizzato da freddo tagliente e con poche precipitazioni, mentre se la forma è a “cucchiaio” l’inverno sarà relativamente mite, ma molto nevoso, tanto che la neve dovrà essere raccolta a palate.

Difficile trovare una correlazione scientifica tra un seme tagliato a metà e una previsione per l’inverno che sta arrivando. Ed effettivamente non c’è nulla di scientifico, è una tradizione popolare dal sapore contadino nata chissà in quale affascinante modo e basata su qualche simpatica coincidenza. La classica storia popolare basata sul “se la previsione viene rispettata, significa che la storiella di partenza è valida, invece, se la previsione non viene rispettata evidentemente si tratta dell’eccezione che conferma la regola”.

Ma a noi piace pensare che dietro a queste storielle raccontate dai nostri nonni, ci sia sempre un fondo di verità.